Strutture

Cipa Gres offre una gamma di superfici, dal naturale, alla pietra, dalla bocciardata alla superficie levigata, tutto ciò consente di pavimentare e rivestire tutti gli ambienti interni ed esterni sia in ambito residenziale che commerciale. Un fattore determinante all’eliminazione del rischio di scivolosità in particolari ambienti è dato dall’impiego di pavimenti antisdrucciolo a superficie strutturata.

ELENCO DELLE ZONE OPERATIVE CON SUPERFICI SDRUCCIOLEVOLI – Normativa BGR 181 – DIN 51130 (Gruppo R),(Spazio di Raccolta V)

metodi per la scivolosità

La scivolosità di un pavimento è legata alla sicurezza della deambulazione e rappresenta, pertanto, un requisito fondamentale dei pavimenti stessi. Il coefficiente di scivolosità, indicato dal valore “R”, si riferisce ad un metodo previsto dalle norme tedesche DIN 51130 e 51097, che classificano i prodotti in base al loro coefficiente d’attrito, in funzione delle esigenze specifiche di un determinato ambiente. A seconda del livello di scivolosità, che può essere legato all’uso di particolari sostanze in determinati spazi di lavoro, o alla presenza di acqua, è obbligatorio, in base alla normativa, l’impiego di un materiale a pavimento in grado di creare un notevole attrito tra le superfici a contatto, capace quindi di limitare la pericolosità dello stesso per le persone. Quanto più alto è il coefficiente d’attrito, tanto minore è la scivolosità. La normativa distingue la scivolosità delle superfici calpestabili per le zone ove si cammini con piedi calzati (R9-R13), e per quelle a calpestio a piedi nudi (A,B,C).Per gli ambienti in presenza d’acqua, dove sia prevista la deambulazione a piedi scalzi, il pavimento deve rispondere con prestazioni ancora più restrittive. Queste si possono misurare in base alla normativa DIN 51097, e si classificano nei gruppi di valutazione A, B, C secondo un valore crescente.

1.jpg

(DCOF) ANSI A 137.1:2012 BOOT-3000E

Il BOT-3000E è un’apparecchiatura in grado di misurare il coefficiente di attrito statico (SCOF) e dinamico (DCOF) di una superficie, sia bagnata, sia asciutta. La determinazione avviene grazie ad una serie di cursori di prova intercambiabili di Neolite, SBR, Quattro S, TRL, pelle.

2.jpg3.jpg

NORMA BS 7976-2:2002

Classificazione potenziale della scivolosità, secondo il metodo pendolo BS 7976, valori di prova espressi (PTV). Valori in condizione asciutto e bagnato: Temperatura di prova: 20°C - Tipo di gomma utilizzata: TRL rubber

AS/NZS 4586: 2013

APPENDICE A: La prova del pendolo bagnato per la misurazione della resistenza allo scivolamento (AS/NZS 4586 Appendice A) è generalmente eseguita utilizzando uno strumento di prova a pendolo. Il dispositivo a pendolo è portatile ed è composto da un piede appesantito e da un cursore di prova che oscilla verso il basso e scorre su una superficie bagnata con acqua. Il piede comprende un cursore in gomma con carica a molla che esercita una forza prestabilita sul campione mentre scivola sulla superficie. Gli esiti della prova sono espressi sotto forma di British Pendulum Number (BPN) e classificati secondo la norma AS/NZS 4586, come indicato nella tabella seguente:

t1.jpg

UNE ENV 12633:2006

Prova del pendolo secondo la normativa UNE ENV 12633:2003 CLASSIFICAZIONE DEI PAVIMENTI:

t2.jpg

DIN determinazione del coeficiente “V”
Volume d’acqua determinato dai rilievi della superficie

t3.jpg
4.jpg
tit1.jpg

In questa prova, un operatore viene collocato su un piano orizzontale rivestito di piastrelle e cosparso d'olio. Tale piano viene inclinato sino a quando l’operatore provvisto di calzature specifiche inizia a scivolare. La classificazione conseguente e stabilita dall’angolo di inclinazione del piano rivestito nell’istante di scivolamento.
7.jpg
tit2.jpg

Mediante questo procedimento, viene stabilita la conformita delle piastrelle per la posa in locali dove si cammina a piedi scalzi. Su un piano orizzontale, le piastrelle posate vengono bagnate con una soluzione (1 g/l di agente bagnante + acqua). Il piano viene inclinato sino a quando l’operatore (che cammina a piedi nudi) inizia a scivolare; gli angoli corrispondenti allo scivolamento determinano la seguente classificazione.
8.jpg

BCRA



Il metodo BCRA è una rilevazione strumentale che fornisce la misura dell’attrito dinamico (μ) a cui una superficie deve rispondere per essere considerata antisdrucciolevole (μ deve essere ≥ 0,40 sia per l’elemento scivolante cuoio su pavimentazione asciutta che per l’elemento scivolante gomma dura standard su pavimentazione bagnata): COEFFICIENTE DI ATTRITO DINAMICO
  • μ ≤ 0,19 SCIVOLOSITA’ PERICOLOSA
  • 0,20 ≤ μ ≤ 0,39 SCIVOLOSITA’ ECCESSIVA
  • 0,40 ≤ μ ≤ 0,74 ATTRITO SODDISFACENTE
  • μ ≥ 0,75 ATTRITO ECCELLENTE
  • B.C.R.A. METHOD

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password